Venetia Victix

Cerca

Vai ai contenuti

Galleria e spiegazione

I Cigni del Sole > i Duelli


SPIEGAZIONE DEI DUELLI DI VENETIA VICTRIX
Autore: Messer Tasso



Cos'è Venetia Victrix? E' un gruppo di archeologia sperimentale che si occupa dell'arte del duello. Proponiamo combattimenti rituali che avvenivano in occasione di feste, cerimonie funebri, riti sacri e in alcune specialità anche preparazione della guerra.
Come avvenivano? Non si usavano lame affilate (o lame bianche) ma le cosiddette lame nere ossia bastoni o, appunto, lame non taglienti.

Come finiscono i duelli? Normalmente in parità, o in caso di resa di un contendente con la sospensione a digitum. Quello che non sappiamo, comunque, è come finirà, infatti, quelli che vedrete non sono combattimenti coreografati, sono colpi veri portati con dovizia e a piena potenza, nell'ambito di un combattimento sportivo. Quello che vogliamo farvi vedere comunque è prima di tutto tecnico e pratico prima che spettacolare.
Se sarà di vostro gradimento decidetelo voi, gli applausi che abbiamo ricevuto in giro per l'Italia ci rendono comunque fiduciosi circa il vostro consenso.
E' buona cosa, ora come allora, che il pubblico partecipi incitando l'uno o l'altro combattente a proprio gusto e piacimento.

CAOS VS ORDINE - lo scontro epico, continuo ed eterno, tra l'uomo e le forze che cercano di opprimerlo; mentre l'uomo cerca di elevarsi dalla sua condizione verso il divino, le forze demoniache vorrebbero bloccarlo. L'uomo sa che può perdere ma accetta la sfida. La supererà? Conta più l'agilità, la tecnica e l'audacia o la forza, la tecnica e lo studio?

I CIGNI DEL SOLE - nel 1991 sul giornale di Vicenza comparve a nome di Gianni Bassi del gruppo archeologico vicentino un articolo con la ricostruzione di un guerriero armato di arma lunga e scudo molto piccolo. La ricostruzione prevedeva un costume con una corona di penne e noi l'abbiamo visto subito come i cigni del sole. Per ragioni di tempo non abbiamo portato il costume ma le movenze del duello ve le faremo vedere, eccome.

BASTONE - quello che pratichiamo per propedeutica è il bastone, ossia un arma di 90 cm (la lunghezza di una spada a una mano). E' in ratan x ragioni di sicurezza cioè si rompe senza produrre punte. Questa disciplina è l'arte marziale italiana, chiamata NOVA SCRIMIA.


SCUDO E SPADA - il più classico dei combattimenti, osservate le guardie e l'uso dello scudo, studio, finte e colpi di stillicidio. Oltre per combattimento rituale, naturalmente anche come esercizio (da cui esercito) perché parliamo di tempi in cui alla difesa del proprio villaggio e dei propri beni si provvedeva in prima persona.

BASTONE E AVAMBRACCIO PROTETTO - nella tomba di Beni Assan nel 2771 a.C. in Egitto un dipinto murale illustrava il combattimento eseguito con bastone e avambraccio protetto che fungeva da scudo e consentiva di colpire con agilità.

DIMAKEIRON - specialità squisitamente veneta, molto dinamico, effettuato anche nelle arene gladiatorie prima dei combattimenti pesanti da gladiatori chiamati lusiari.


Menu di sezione:


Torna ai contenuti | Torna al menu